Due settimane in Polonia con Wim Hof l'Uomo venuto dal ghiaccio - Viaggi d'inverno 2019


Sono tornata a Parigi dopo due settimane straordinarie trascorse in Polonia, dove sono andata a condurre due ritiri (o meglio viaggi invernali) sul metodo Wim Hof. Ero lì in qualità diistruttore esperto per aiutare Innerfire e Wim Hof di persona a rendere magiche queste settimane per oltre 80 partecipanti ogni settimana.

I miei due gruppi di 20 partecipanti, provenienti da tutto il mondo e con le storie più eterogenee. Hanno veramente creato una potente unione fusionale che ha dato loro una forza quasi mitica per vivere in questi giorni al massimo del loro potenziale umano. In modalità divertimento e connessione a se stessi, alla natura e agli altri.

Ma come avviene tutto questo per i principianti che iniziano con il metodo in pochi giorni?

Ecco cosa abbiamo sperimentato durante un viaggio invernale.....

Giorno 1

Il gruppo si forma al mattino, ci si conosce e si forma un gruppo coeso fin dall'inizio. Inclusione e divertimento sono all'ordine del giorno con i giochi dell'ICE braker. Insegno loro la teoria e la storia del metodo Wim Hof e passo al gruppo le basi della respirazione. Poi andiamo fuori e facciamo i primi esercizi al freddo: piedi e mani nell'acqua gelida del fiume e nella neve. Poi una passeggiata in pantaloncini per il ritorno. Questo è l'inizio e alcuni sono già senza fiato. Per ora è normale. Il corpo e la mente non sono ancora adattati, ma domani è un'altra storia.

Sulla via del ritorno, Wim conduce una sessione di respirazione potente e profonda. Il gruppo è sopraffatto e stupito dalla forza del respiro e dalla sua capacità di portarci in profondità.

Dopo ulteriori esercizi di meditazione e pranayama andremo a letto presto. Domani sarà una giornata più intensa.

 

Giorno 2

Gradualmente stiamo alzando il livello. Al mattino si inizia con lo yoga e con la respirazione più avanzata del metodo Wim Hof. Poi andiamo con Wim a casa sua per i bagni di ghiaccio e la sauna per 3 turni. La giornata è molto fredda a -10°C, e rompiamo il ghiaccio nelle vasche d'acqua con le piccozze :)

Andare a fare bagni di ghiaccio con Wim, l'uomo del ghiaccio e poi entrare in una sauna da scambiare è una grande opportunità che abbiamo, e ne usciamo motivati e pronti per altre avventure! Perfettiamo alcuni esercizi di movimento e di respirazione e poi Wim ci porta con i piedi nella neve e in pantaloncini per oltre 30 minuti! Ognuno si regge e supera se stesso facendo quello chiamato Snoga (neve + yoga).

Concludiamo la giornata a ritmo di percussioni, canti e balli aperti all'intuizione musicale e al ritmo. In questo luogo e in questo stato mentale e cosciente, abbiamo meno filtri e blocchi e cominciamo ad avere accesso ad un altro potenziale normalmente nascosto.

 

Giorno 3

La giornata inizia bene, energia e vitalità con esercizi di Qi Gong, Yoga e ginnastica per la flessibilità e la circolazione. Poi perfezioniamo la tecnica di respirazione e aggiungiamo elementi. E' tempo di andare fuori e testare quello che abbiamo imparato nei giorni 1 e 2 per una nuotata alla cascata ghiacciata nella foresta. Non una sauna per riscaldarci, ma il nostro fuoco interiore e la nostra forza mentale e quella del gruppo.

Entrare nell'acqua ghiacciata, rompere il ghiaccio con una piccozza, formare un cerchio di uomini e donne, e poi rimanere immobili ma presenti nell'acqua. Con un sorriso sul volto. Il potere del controllo e il potere del corpo. Ne usciamo vivi, vivi, chiari e sereni.

Poi altri esercizi di visualizzazione, introspezione e condivisione. Concludiamo la giornata con canti e ronzii. Nessuno è un esperto di musica o musicista qui, ma l'effetto che si verifica quando abbiamo fiducia e una buona postura mentale è armonioso e ci sorprende. La magia del gruppo sta cominciando a darci un grande potenziale di forza.

 

Giorno 4

Grande e potente sessione di respirazione con tutti i gruppi al mattino, durante la quale ogni istruttore guida la respirazione e dà il suo ritmo e il suo stile. I partecipanti vengono toccati e le emozioni vengono rilasciate. Facciamo una terapia naturale attraverso la respirazione. Poi partiamo: ci arrampicheremo su una montagna vicina fino a 1500m in calzoncini. Senza vestiti, ma vestiti con quello che abbiamo costruito e imparato nei primi giorni. Ci sono settantasei anni in testa alla colonna, persone che attraversano la parete di ghiaccio fino alla cima. La temperatura scende a -15°C e il vento soffia a 100 km/h.

 

 

Tutti arrivano allo chalet in cima alla montagna vittoriosa e senza vestiti! Nel cottage di montagna festeggiamo con vin brulè e vin brulè di cioccolato! Scendiamo nuovamente trasformati: lo chalet in cima alla montagna si chiama "rinascita".

 

La sera, dopo una buona dose di stretching e zuppa, condividiamo tra di noi le nostre avventure, ciò che abbiamo imparato e l'unità che si è creata. Il gruppo è davvero cresciuto. Ma non in numeri, non in quantità..... Ma in qualità. Nel suo potenziale. Sono onorato di essere con loro e di poterli guidare e trasmettere questo metodo e questi strumenti.

 

Giorno 5

Questo giorno è il giorno per spingere un po' più in là dei nostri limiti. Con il respiro, il freddo o la forza della mente e l'introspezione.

E' l'ultimo giorno prima della partenza. E cogliamo l'occasione per superare noi stessi insieme. Torniamo alla cascata per questa volta per entrare tutti insieme e saltare dalla cima della cascata fino al centro del laghetto sottostante. Wim è ancora con noi e ci mostra la tecnica del canyoning per evitare lesioni: l'acqua non è profonda, circa 1m50 per 4 metri di caduta dalla cima. Ghiaccio nel lago da evitare e neve sulle rocce alla partenza. Rimanete concentrati.

Poi festeggiamo nell'acqua, il freddo non è più presente in noi, sentiamo il fuoco della vita in noi. Camminando verso la casa di Wim per un'ultima seduta di respirazione "Power breathing" per spingere verso un altro, ampliato stato di coscienza, in cui il tempo è diverso, raccogliamo informazioni, tutto diventa semplice e lucido e dimentichiamo il sé per il tutto.

 

 

Di notte con una cerimonia nella foresta nera, con le fiaccole e il fuoco che risplende contro il vento gelido della sera chiudiamo questo viaggio intorno al fuoco e al vin brulè.

 

Giorno 6

Stiamo tornando indietro, l'inizio di una nuova fase della vita. Siamo cambiati, sia i partecipanti che gli istruttori e anche Wim Hof.

Abbiamo scoperto il potere del cuore, della connessione, della mente allineata con il corpo e lo spirito. Questo, insieme a una buona dose di divertimento, freddo e respirazione, rende il metodo Wim Hof uno strumento gigantesco per rendere la nostra vita un'opera d'arte. Essere più sani, più felici e più forti.

 

Così torniamo come il fuoco, ci scaldiamo in esso, per condividere intorno a noi e continuare la nostra ricerca che è la vita.

 

Leonardo Pelagotti

Vuoi andare oltre?

Contattateci per iscrivervi ai nostri prossimi corsi Wim Hof e visitate il nostro sito per scoprire tutti i nostri corsi di formazione!


Articoli simili

Ultimi articoli

Corso Wim Hof Breve - 3 giorni, Lac des Graves, Cantal, 23-25 novembre 2024

Corso Wim Hof Breve - 3 giorni, Lac des Graves, Cantal, 9-11 novembre 2024

Spedizione di trekking e metodo Wim Hof, Massiccio del Thabor, dal 3 al 7 luglio 2024

Categorie

Realizzazione e referenziamento Simpleplebo

Connessione

Continuando a navigare in questo sito, l'utente accetta l'installazione e l'uso dei cookie sul proprio computer, in particolare per l'analisi del pubblico, in conformità con la nostra politica sulla privacy.